Rabbia e sconcerto, cinque turisti francesi si tuffano nella piscina naturale del “Jameo del Agua”

Un gruppo di turisti di nazionalità francese ha ceduto alla tentazione di rinfrescarsi nel famoso lago “los jameítos” del Centro Turistico Los Jameos del Agua.
È un’area protetta abitata dal cosiddetto “jameíto”, un granchio albino in via di estinzione.

Jameos del Agua è un centro turistico gestito dal Cabildo de Lanzarote e creato dal pittore locale César Manrique negli anni 1960.

“Los Jameos del Agua” insieme alla “Cueva de los Verdes” fanno parte del tunnel del Volcán de la Corona.

L’intero accesso al mare è chiamato “Tunnel Atlantis”.

In questo lago viene allevato il granchio menzionato, completamente bianco ed endemico dell’isola.
Il suo nome scientifico è Munidopsis Polimorpha e non si trova in nessun’altra parte del mondo, la sua lunghezza é solo di tre centimetri.

I turisti, incuranti del divieto assoluto di balneazione, hanno deciso di togliersi pantaloni e maglietta e tuffarsi nell’acqua calma della piscina naturale e fare il bagno tra i “granchi bianchi”.

Lo staff di Los Jameos ha agito immediatamente e dopo aver mostrato la propria rabbia ha espulso i turisti dal Centro Turistico.

Ricordiamo che, oltre alla balneazione, è vietato anche gettare monete sul fondo del lago.
In passato, ogni tanto, i subacquei tiravano fuori quelle monete che danneggiano l’ecosistema in cui vivono i granchi bianchi.

Il profilo di ‘Isla Sin Corrupción’, ha mostrato in un video quanto é accaduto; si vede come quattro di loro sono in acqua, mentre un quinto desiste dall’entrare.

L’amministratore delegato dei centri turistici, Benjamín Perdomo, ha mostrato la sua rabbia per quanto é accaduto.

Quanto é accaduto, ha indignato gli abitanti dell’isola, i quali non possono spiegare come possa essersi verificata una cosa del genere, in uno spazio in cui il divieto di balneazione è molto chiaro e tradotto in più lingue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.